Anbamed, notizie dal Sud Est del Mediterraneo

15 agosto 2021

Buona domenica e buon Ferragosto a tutte ed a tutti!

Rassegna anno II/n. 46

Per informazioni e contatti manda un messaggio

Per ascoltare l’audio della rassegna:

Sostieni Anbamed

Questa rassegna sopravvive grazie ai contributi dei suoi lettori e ascoltatori.

Ricordati che anche il più grande oceano è fatto di gocce!

Ecco i dati per il versamento:

Associazione Anbamed, aps per la Multiculturalità

Banca di Credito Cooperativo della Valle del Fitalia

Iban: IT33U0891382490000000500793

Bic: ICRAITRRPDO

I titoli

Afghanistan: Kabul assediata dopo la caduta di Mazar Sharif. I taliban sono a 50 km e hanno carri armati e lanciamissili sofisticati abbandonati dall’esercito.

Libano: La crisi dei carburanti scuote il paese. Lunghe file e prezzi alle stelle hanno richiesto l’intervento dell’esercito.

Palestina Occupata: I familiari di un detenuto colpito da ischemia accusano le forze di occupazione.

Libia: Fallito il negoziato per la legge elettorale. ONU mette in guardia e chiede il rispetto della roadmap decisa a febbraio.

Siria: Nella provincia di Idlib migliaia in fuga di fronte all’offensiva dei governativi.

Egitto: Una fatwa di Al-Azhar vieta i tatuaggi.

Le Notizie

Afghanistan

Anche Mazar Sharif è caduta nelle mani dei taliban, praticamente senza combattimenti. I capi militari e i signori della guerra, che due giorni fa il presidente Ghani ha visitato personalmente ed esortato a resistere, sono scappati oltre confine, in Uzbekistan. Con la caduta del capoluogo, i taliban estendono il loro controllo su tutto il nord. Anche Jalalabad, nell’est, sta per cadere. Sono in corso trattative per la consegna della città. I taliban hanno concesso 48 ore di tregua per il ritiro dei militari governativi. Una sconfitta catastrofica per il governo di Kabul e per gli Stati Uniti ed i loro alleati che hanno speso migliaia di miliardi in 20 anni di guerra senza aver creato le basi di una stabilità del paese. Le armi che sono state consegnate all’esercito adesso sono in mano dei miliziani e saranno usati nell’offensiva su Kabul. per dare la spallata finale al governo Ghani.

In un tentativo estremo, il Qatar ha rivolto un appello ai taliban per una tregua e la ripresa del dialogo. Il ministro degli esteri di Doha si è incontrato con il capo dell’ufficio politico, Abdulghani Dardar. Dal 2018, il Qatar ha ospitato le trattative tra la Casa Bianca e i taliban e successivamente tra i miliziani ed il governo Ghani.

Libano

La crisi dei carburanti sta facendo implodere lo Stato libanese. La decisione del governatore della banca centrale di cancellare il sostegno alle importazioni di petrolio ha causato lunghe file ed aumento incontrollato dei prezzi alle stazioni di servizio. L’esercito ha sequestrato ingenti quantità di carburanti nascoste nei depositi, mentre la popolazione e soprattutto gli ospedali sono rimasti senza. Lo scontro al vertice politico è arrivato ad un punto senza ritorno. Il partito Al-Mustaqbal di Saad Hariri ha attaccato duramente il presidente Aoun, accusato di infrangere la Costituzione per interessi di partito.

Palestina Occupata

Il detenuto Nasser Shaweesh (46 anni) è stato colpito da un’ischemia cerebrale ed è stato trasportato in ospedale. La famiglia accusa le forze di occupazione di non averla informata sul luogo dove è stato trasferito e di non aver ammesso la visita degli avvocati. L’ente palestinese per la tutela dei detenuti politici ha informato che Shaweesh aveva denunciato torture al momento del suo arresto nel 2002, rendendo precaria la sua salute.

Siria

La situazione militare ad Idlib, nel nord ovest della Siria, è drammatica. Continua la fuga dei civili da Gebel Zawia, colpita dall’artiglieria di Damasco e dai caccia russi. In due mesi di attacchi sono oltre 100 i civili uccisi e 4 mila gli sfollati. Le milizie armate che controllano la provincia sono in allerta e si preparano ad un’offensiva terrestre delle truppe governative. Ankara che ha nella zona punti di osservazione militare ha chiesto a Mosca di bloccare l’esercito siriano e le milizie alleate, ma senza risultati.

Libia

Il Forum per il dialogo politico è fallito nel trovare un accordo per le elezioni. L’annuncio della missione ONU, che ha coordinato l’incontro in videoconferenza tra i 75 delegati, ha espresso il suo rammarico per il mancato rispetto della roadmap approvata dallo stesso Forum. Se entro la fine di agosto non si raggiungerà un’intesa, salteranno le elezioni programmate per il 24 dicembre 2021. La prossima settimana si terrà una nuova riunione del Forum a Ginevra ed in caso di un nuovo fallimento la questione passerà al vaglio del Consiglio di Sicurezza. In passato, l’inviato speciale Kubic aveva affermato che coloro che ostacoleranno il percorso democratico saranno sottoposti a sanzioni internazionali.

Egitto

Al-Azhar ha emesso una fatwa che vieta i tatuaggi. Anzi, li annovera tra i peccati gravi. La sorprendente uscita della più alta autorità religiosa islamica, su un tema così privato, ha suscitato sdegno e commenti sui social. Il divieto colpisce sia uomini che donne e la fatwa entra in argomenti che non hanno nulla a che fare con la fede, come l’analisi medica degli effetti sulla salute degli interessati. Si arriva a preconizzare la trasmissione dell’Aids. La fatwa è stata pubblicata sulla pagina social dell’ente religioso e ha avuto migliaia di commenti pro e contro. “Gli ulema si arrampicano sugli specchi per condizionare la nostra vita”, ha scritto un certo Ayman. Al-Azhar ha dovuto correggere il testo, precisando che il divieto riguarda i tattoo permanenti e non quelli disegnati senza incidere la pelle. L’hennè, bontà loro, invece è ammesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.