Anbamed, notizie dal Sud Est del Mediterraneo

20 novembre 2021

Rassegna anno II/n. 143

Per informazioni e contatti manda un messaggio

Per ascoltare l’audio:

La pagina delle vignette è QUI

Nella rubrica Approfondimenti pubblichiamo la lettera di “Staffetta sanitaria” della Rete Kurdistan Italia, che accompagna la traduzione in Italiano del rapporto sulla guerra turca contro i curdi nel nord est della Siria.

Chi è interessato a ricevere il testo integrale del rapporto (in PDF) può scrivere un messaggio email al nostro indirizzo: anbamedaps@gmail.com

Sostieni Anbamed

Questa rassegna sopravvive grazie ai contributi dei suoi lettori e ascoltatori.

Ricordati che anche il più grande oceano è fatto di gocce!

Ecco i dati per il versamento:

Associazione Anbamed, aps per la Multiculturalità

Banca di Credito Cooperativo della Valle del Fitalia

Iban: IT33U0891382490000000500793

Bic: ICRAITRRPDO

I titoli

Etiopia: Arrivano i primi aiuti umanitari alle popolazioni delle province sotto il controllo del Fronte Popolare del Tigray.

Palestina: La ministra dell’Interno britannica dichiara Hamas movimento terroristico.

Emirati: Gli Usa bloccano la costruzione di una base cinese nel porto di Abu Dhabi.

Tunisia: Sgominata una cellula terroristica. Catturati 20 miliziani clandestini.

Turchia: Crollo della lira in seguito al calo degli interessi della Banca Centrale di Ankara.

Iraq: Restaurate a Mosul due chiese cristiane distrutte dal fu falso califfato.

Le notizie

Etiopia

Sono arrivati ad Addis Abeba i due mediatori: lo statunitense Feltmann e l’africano Obasanjo, per una serie di incontri con i responsabili del governo etiopico. Un primo risultato è stato raggiunto, ossia la distribuzione degli aiuti umanitari nelle zone sotto il controllo dei ribelli del Tigray. Malgrado questi sviluppi positivi, si sono registrati combattimenti in diversi fronti nelle province di Amhara e Afar.

Palestina

La ministra dell’Interno della GB ha dichiarato Hamas un’organizzazione terroristica. Per coloro che verranno arrestati per detenzione o distribuzione di materiale propagandistico del movimento palestinese è prevista una condanna a 10 anni di reclusione. Un comunicato di Hamas da Gaza definisce il gesto britannico:“Una logica alla rovescia che punisce la vittima e premia l’aggressore”.

Emirati

Secondo un’inchiesta del Wall Street Journal, gli Stati Uniti hanno bloccato la costruzione di una base militare cinese nel porto Khalife ad Abu Dhabi. I fatti risalgono a 4 mesi fa, quando i servizi statunitensi sono venuti a sapere degli avanzati lavori di costruzione di una struttura militare nella zona del porto. In una prima fase gli emiratini si sono dichiarati sorpresi dalla vicenda ed hanno negato il carattere militare della costruzione. La Casa Bianca ha mandato diversi esponenti del governo per convincere Abu Dhabi a retrocedere dalle proprie intenzioni.

Tunisia

Catturati 20 terroristi nella provincia nord occidentale di Jendouba. Alcuni di loro avevano già scontato in passato condanne in carcere, ma non hanno abbandonato il jihadismo. Secondo il comunicato del Ministero dell’Interno, i sospettati sono stati pedinati per mesi. I reparti speciali anti-terrorismo sono riusciti a scoprire i loro piani per colpire: istituzioni, giudici e ufficiali delle forze dell’ordine. L’azione preventiva ha fatto fallire le azioni criminali in preparazione.

Turchia

Le ultime misure della Banca Centrale turca sul tasso di interessi ha fatto crollare il cambio della lira. In una settimana, la moneta turca ha perso l’11% del suo valore e l’inflazione ha toccato punte del 20%. Attualmente il cambio del dollaro è arrivato a 10,85 lire, contro il 7,4 dell’inizio dell’anno.

Iraq

Sono state restaurate a Mosul due chiese distrutte dall’ISIS. Il luogo di culto di rito caldeo, formato dalle due chiese, è stato ricostruito con lo stesso materiale originale e con tecniche costruttive artigianali in pietra. Alla cerimonia di inaugurazione religiosa, prima messa dopo 7 anni di chiusura e distruzione, hanno partecipato centinaia di fedeli. Padre Samer Youhanna afferma che ci sono ancora altre parti della chiesa da restaurare ed in particolare un affresco di San Giorgio. Ai lavori di restauro sono state impiegate maestranze provenienti dal Libano e dalla Siria. I cristiani in Iraq erano, prima dell’invasione statunitense del 2003, 1,5 milioni di fedeli. Attualmente sono soltanto 400 mila.

Approfondimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.