Anbamed, notizie dal Sud Est del Mediterraneo

(testata giornalistica. Direttore responsabile: Federico Pedrocchi)

23 giugno 2022.

Rassegna anno III/n. 173

Per informazioni e contatti manda un messaggio

Per ascoltare l’audio:                                                         

Le vignette sono QUI

119 giorni di guerra russa contro l’Ucraina. Russi avanzano nel Donetsk. Lavrov a Teheran, per rafforzare la cooperazione nel settore energia. In Europa occidentale si annuncia un inverno al freddo.

Continua lo sciopero della fame solidale a staffetta per chiedere la liberazione di #AlaaAbdelFattah, attivista egiziano leader delle rivolte di piazza Tahrir, da 82 giorni in sciopero della fame nelle carceri di Al-Sissi. Anche la sorella, Mouna Seif, ha iniziato 11 giorni fa lo sciopero della fame permanente.

In Italia, oggi digiuna Paola Colombo.

Per maggiori info: http://www.invisiblearabs.com

Sostieni Anbamed

Il rapporto delle donazioni dal 1° maggio al 16 giugno ci dice che sono state raccolte 90 €. Meno di 2 € al giorno. Situazione allarmante.

Questa rassegna sopravvive grazie ai contributi dei suoi lettori e ascoltatori.

Ricordati che anche il più grande oceano è fatto di gocce!

Ecco i dati per il versamento:

Associazione Anbamed, aps per la Multiculturalità

Iban: IT33U0891382490000000500793

Bic: ICRAITRRPDO

Titoli

Afghanistan: Oltre mille morti per il sisma che ha colpito nel sud est, al confine con il Pakistan.

Arabia Saudita-Turchia: Erdogan stringe la mano Mohammed Bin Salman, da lui stesso accusato per l’assassinio Khashoggi.

Israele: La Knesset vota per lo scioglimento. Si va verso le elezioni anticipate.

Kuwait: L’emiro scioglie il Parlamento e annuncia elezioni anticipate.

Yemen: Attacco jihadista a Shabwa. Ucciso un capo di Qaeda.

Marocco: Israele assumerà manodopera marocchina nei settori sanità ed edilizia.

Le notizie

Afghanistan

Un devastante terremoto ha colpito il sud est dell’Afghanistan provocando la morte di oltre mille persone e il ferimento di almeno altre 1500. Il sisma è stato sentito anche in Iran, Pakistan ed India, ma non ci sono notizie di vittime o danni. La scossa, di magnitudo 6,1, è stata registrata a 44 km a sudovest di Khost, vicino al confine con il Pakistan.

Arabia Saudita-Turchia

L’onta dell’assassinio del giornalista Kashoggi nel consolato saudita di Istanbul è stata cancellata con la spugna. Erdogan ha ricevuto nel palazzo presidenziale l’erede al trono che veniva accusato dallo stesso Erdogan di essere collegato all’atroce assassinio. La stampa turca parla di “relazioni ripristinate a tutti i livelli alla situazione prima della crisi”. Lo scorso aprile Erdogan ha visitato il regno, dopo 4 anni di rottura delle relazioni.  La Turchia mira alla riapertura del mercato saudita ai suoi prodotti e soprattutto ad investimenti sauditi nel mercato finanziario di Ankara, che recentemente ha subito una crisi disastrosa.

Israele

La Knesset ha votato con 110 voti a favore per lo scioglimento del legislativo. È il primo passo verso l’indizione di nuove elezioni anticipate, le quinte in 3 anni e mezzo. Nella fase transitoria la guida del governo passa a Lapid, il vero vincitore delle precedenti elezioni. Ci vorranno altre due votazioni per il definitivo ricorso alle urne. Il capo dell’opposizione ed ex premier Netanyahu sta lavorando per trovare una nuova maggioranza sotto la propria guida ed evitare così il ricorso al voto anticipato.

Kuwait

L’emiro del regno ha sciolto il Parlamento ed indetto nuove elezioni. La dichiarazione è stata pronunciata, in diretta tv, dal vice Mishaal Sabah. Nel discorso, la decisione viene imputata al duro scontro tra l’esecutivo e il Parlamento. Nel Kuwait, l’unica monarchia parlamentare nel Golfo, esiste una forte opposizione all’azione governativa, ma il rifiuto dei ministri di comparire per rispondere alle interrogazioni parlamentari rende vana ogni battaglia dell’opposizione per il cambiamento delle politiche e nello stesso tempo blocca i lavori dell’organo legislativo. La mancanza di fiducia tra le istituzioni porta allo stallo politico. Nei giorni scorsi i deputati dell’opposizione hanno occupato il Parlamento per protesta. Sarà il quinto ricorso alle urne in 4 anni.

Yemen

In uno scontro armato nella provincia di Shabwa, nel centro del paese, sono rimasti uccisi 5 soldati e feriti altri 5. Un gruppo di Al-Qaeda su due auto ha assaltato un posto di blocco dell’esercito. La stampa yemenita scrive che Al-Qaeda ha rivendicato l’agguato ed ammesso anche la morte di un suo dirigente locale della provincia di Shabwa, di nome Yunis Qashouri, meglio noto come Abu Alì Shabuani (di Shabwa). L’uomo era stato ucciso lo scorso 11 maggio in uno scontro a fuoco con l’esercito yemenita, mentre stava preparando un attentato. Nella sparatoria era morto anche un soldato e ferito un altro. Qashouri ha aderito ad AQAP (Al Qaeda della Penisola Arabuca) oltre dieci anni fa ed è riuscito a rimanere in anonimato grazie ai diversi passaporti falsi di cui si era dotato, sfruttando il clima della guerra in corso tra governativi e ribelli Houthi.  

Marocco

Rabat e Tel Aviv intendono siglare un accordo per la manodopera marocchina da impiegare nei settori sanitario e dell’edilizia in Israele. Lo ha annunciato un comunicato stampa governativo dopo la visita della ministra dell’interno israeliana, Ayelet Shaked, nel regno. La stampa dell’opposizione marocchina critica l’accordo sottolineando che “non sarebbe etico, per il regno che ospita il Comitato per Gerusalemme, mandare operai per costruire le colonie ebraiche”.

====================================================================

Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un piccolo contributo per noi significa molto. Torna presto a leggerci ed ascoltarci.

====================================================================

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.