Anbamed, notizie dal Sud Est del Mediterraneo

02 marzo 2022.

Rassegna anno III/n. 060

Per informazioni e contatti manda un messaggio

Per ascoltare l’audio

Le vignette sono QUI

Settimo giorno di guerra russa contro l’Ucraina. Bombardato il centro della seconda città ucraina, Charkiv. Distrutti i centri di comunicazione della Tv di Kiev.

La Costituzione italiana ripudia la guerra come mezzo di risoluzione dei conflitti. Cosa c’è nei trattati fondativi della Unione Europea che consente di rinviare armi ad un paese terzo?

Il 5 marzo a Roma manifestazione nazionale contro tutte le guerre.

Pubblichiamo una poesia di Ciro Gallo.

Domenica 27 marzo 2022 ore 18:00 si terrà, in modalità online, l’Assemblea dell’Associazione “Anbamed, aps per la Multiculturalità”. Tutti gli abbonati, anche non iscritti, possono chiedere il link per parteciparvi: anbamedaps@gmail.com

Sostieni Anbamed

Questa rassegna sopravvive grazie ai contributi dei suoi lettori e ascoltatori.

Ricordati che anche il più grande oceano è fatto di gocce!

Ecco i dati per il versamento:

Associazione Anbamed, aps per la Multiculturalità

Banca di Credito Cooperativo della Valle del Fitalia

Iban: IT33U0891382490000000500793

Bic: ICRAITRRPDO

I titoli

Palestina Occupata: Bambini feriti a Gerusalemme e giovani uccisi a Jenin.

Siria: Nel carcere di Saidanaya si muore in silenzio sotto tortura.

Giordania: Stampa imbavagliata e crisi dell’editoria, secondo un rapporto di un’associazione per la libertà dell’informazione.

Libia: Il governo Basha-Agha ha la fiducia. Dbeiba non rassegna le dimissioni e si annunciano scontri a Tripoli tra le milizie locali.

Le notizie

Palestina Occupata

A Gerusalemme, nella città vecchia le forze di occupazione hanno sparato una granata stordente, colpendo in faccia una bambina di 11 anni. È stata ricoverata in prognosi riservata e necessita di un intervento chirurgico. Non era in corso nessuna manifestazione, ma una cerimonia religiosa.

A Jenin, è morto un secondo giovane palestinese ferito all’alba di ieri in un’incursione delle forze di occupazione.

Un tribunale israeliano ha congelato lo sfratto per 4 famiglie di Sheikh Jarrah. La sentenza però non riconosce il diritto di proprietà alle famiglie che abitano in quelle case dal 1948, dopo aver perso le loro dimore nelle città d’origine occupate dagli israeliani.

Siria

Un rapporto della “Rete Siriana per i Diritti Umani” ha comunicato i nomi di 161 vittime morte nel mese di febbraio, tra i quali 66 hanno perso la vita sotto tortura nel carcere governativo di Saidanaya. Erano spariti coercitivamente dopo il loro arresto, nel 2018, da parte di uomini armati in abiti civili. Le forze di sicurezza hanno sempre negato che si trovino nelle loro mani. Recentemente le famiglie sono state informate che i loro cari sono morti.

Giordania

Il “Centro per la Protezione e la Libertà dei Giornalisti in Giordania” ha presentato un rapporto sulla situazione della libertà di stampa nel regno. “Richiami dei giornalisti dalla polizia politica, leggi restrittive anticostituzionali e ordini dei tribunali di divieto di pubblicazione sono tra gli strumenti di attacco al diritto di libertà di espressione e opinione”, suona il rapporto. È un’informazione imbavagliata, che la crisi dell’editoria, causata dal Covid, ha ulteriormente soffocato. L’unica nota positiva è la diminuzione dei casi di giornalisti arrestati o maltrattati in seguito a loro articoli investigativi, che mettevano a nudo corruzione e malaffare.

Libia

Il Parlamento ha votato la fiducia al governo Basha-Agha. Hanno votato a favore 92 su 102 deputati presenti. Molti deputati non sono giunti a Tobruk, dove ha sede il Parlamento, perché avevano ricevuto minacce di morte e di conseguenza non hanno potuto votare.

Subito dopo il voto, il premier Dbeiba ha accusato il presidente del Parlamento, Aqla Saleh, di falso, “perché non c’era il numero legale e ci sono molti dubbi sul conteggio dei voti”, ha detto il premier. Il paese ritorna alla casella n. zero, come nel periodo 2014-2020, quando c’erano due governi, uno a Tripoli e l’altro a Bengasi. Adesso la situazione, però, è più grave perché tutt’e due i governi avranno sede a Tripoli, con gli annessi di milizie al loro servizio. In mancanza di un accordo politico, sarà di nuovo guerra.

Contro la guerra, cambia la vita

Dai una possibilità alla pace

Roma, sabato 5 marzo 2022

ore 13:30 partenza da Piazza della Repubblica,

ore 14:30 arrivo a Piazza san Giovanni in Laterano

Sabato 5 marzo si terrà a Roma la manifestazione nazionale unitaria per fermare la guerra in Ucraina.

L’appuntamento è dalle ore 13.30 in Piazza della Repubblica nei pressi della Stazione Termini. Il corteo partirà intorno alle ore 14 per terminare in Piazza San Giovanni dove si terrà la manifestazione vera e propria con interventi dal palco.

Anche l’Arci si ritroverà in Piazza della Repubblica nel modo più visibile già dalle ore 12. Vi invitiamo a portare le nostre bandiere e quelle della pace sapendo che anche la direzione nazionale si farà carico di portarne alcune decine in piazza.

Dopo le tante e riuscite mobilitazioni locali, la Rete Italiana Pace e Disarmo ha deciso ieri sera di rispondere alle tanti voci provenienti dal vasto mondo pacifista, associativo e sindacale per un momento di mobilitazione grande, forte, visibile, unitaria.

È fondamentale l’impegno di tutti e tutte, in tutta Italia, per organizzare una nostra partecipazione grande, forte e visibile – nonostante le difficoltà e la fatica di questi tempi, siamo come sempre un punto di riferimento essenziale del pacifismo italiano, vogliamo esserlo, e dobbiamo riuscire a dimostrarlo anche in piazza.

Teniamoci in contatto!   ARCI nazionale

Bisogna fermare la guerra in Ucraina.

Bisogna fermare tutte le guerre del mondo.

Condanniamo l’aggressione e la guerra scatenata dalla Russia in Ucraina.

Vogliamo il “cessate il fuoco”, chiediamo il ritiro delle truppe.

Ci vuole l’azione dell’ONU: disarmo e neutralità attiva.

Dall’Italia e dall’Europa devono arrivare soluzioni politiche, non aiuti militari.

Protezione, assistenza, diritti alla popolazione di tutta l’Ucraina, senza distinzione di lingua e cultura.

Siamo con la società civile, con le lavoratrici e i lavoratori ucraini e russi che si oppongono alla guerra con la nonviolenza

No all’allargamento della NATO.

Sì alla sicurezza condivisa.

Vogliamo un’Europa di pace, senza armi nucleari dall’Atlantico agli Urali.

Costruiamo ponti e solidarietà tra i popoli, non con le armi ma con la democrazia, i diritti, la pace. Basta armi, basta violenza, basta guerra !

Adesioni: segreteria@retepacedisarmo.org

www.retepacedisarmo.org

Insonni

1° MARZO 2022

Alle 4 del mattino

rispondi a ciò che ti scrivo.

Come me

questo mio amico non dorme

perdendo la possibilità di sognare

o perché ora i sogni ci fan paura

svegli restiamo

aspettando il sole del mattino

che sperando ci riscaldi

ancora un giorno

Come me

questo mio amico non dorme

perché oggi coperti sono

i sogni dal rumor delle bombe.

Ora lo sentiamo

perché a noi vicino

di quello lontano

poco ci siam curati.

Come me

questo mio amico non dorme

perché pensa ai bambini

siriani

afgani

libici

ed ora ucraini

costretti ad interrompere

il loro normale crescere

e non aver cortili

dove giocare

ma rifugi dove aver paura.

Come me

questo mio amico non dorme.

1° marzo 2022

CIRO GALLO.

https://www.altrapolis.com/

Echi della stampa araba n. 12

In questa rubrica riprendiamo in sintesi, ma fedelmente, opinioni, commenti ed editoriali apparsi sulla stampa araba, che valutiamo siano di un certo interesse per il lettore italiano.

La pubblicazione non significa affatto la condivisione delle idee espresse.

=============================================

Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un piccolo contributo per noi significa molto. Torna presto a leggerci ed ascoltarci.

2 commenti

  1. […] Per ascoltare l’audio clicca qui […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.