Pubblichiamo il comunicato delle 47 organizzazioni politiche, sociali e della società civile sulla missione Nato in Iraq, che l’associazione Anbamed, aps per la multiculturalità sottoscrive in pieno:

L’ormai prossima assunzione italiana del comando della missione della Nato in Iraq desta molte perplessità e preoccupa che non vi sia stata fino ad oggi una adeguata discussione pubblica su questo fatto. La missione verrebbe ampliata da 500 a 4.000 uomini trasformandola di fatto in missione di combattimento da quella che, almeno sulla carta, era solamente funzionale all’addestramento dell’esercito iracheno.

La recente decisione di dotare le Forze Armate italiane di una flotta di Hero-30, i cosiddetti Droni Kamikaze dichiaratamente finalizzati all’utilizzo nel “mutato scenario operativo in Iraq”, come scritto nella relazione del Ministero della Difesa resa nota dall’Osservatorio Mil€x, non può che aggravare questa nostra preoccupazione.

La missione italiana in Iraq, con 280 militari impegnati nella forza Nato e 900 militari nella missione Prima Parthica che nella Nato sarà integrata, diventa così la più grande missione italiana all’estero. Se prima la presenza militare italiana era interna alla Coalition of the Willing per la lotta contro Daesh da ora in poi acquisisce di fatto ben altra funzione. Mosul è stata liberata a ottobre 2016 e la campagna militare contro Daesh è stata dichiarata conclusa dal governo iracheno alla fine del 2017. Lo sporadico ripresentarsi di attentati di quest’origine e la permanenza di sacche di estremismo violento non giustificano la presenza di una forza della Nato così consistente, con tanto di robot assassini e aerei da combattimento.

L’Iraq è un paese nel quale si combatte da tempo una parte del conflitto che oppone Stati Uniti e Iran. Un conflitto combattuto tramite terze parti e giocato con cinismo sulla pelle di donne e uomini iracheni e che tiene in ostaggio il Paese da anni.

Compito degli europei dovrebbe essere di favorire la liberazione del Paese da questa morsa e sostenere lo sviluppo economico, la democrazia e i diritti umani e questo non si fa con gli eserciti, ma collaborando con l’attivo sostegno alla società civile irachena. La sconfitta definitiva di Daesh va affidata alla politica, alle riforme sociali e lo possono e devono fare gli iracheni.

La stessa missione di addestramento, dopo quanto successo in Afghanistan su cui non si è nemmeno fatta una seria analisi, dovrebbe almeno essere rivalutata. Il rischio concreto è che l’Italia rimanga invischiata nella lotta per il controllo dell’Iraq, per conto di altri Paesi, senza nemmeno un dibattito pubblico e senza che ne abbia nemmeno un diretto interesse con la conseguenza, tra l’altro, di nuovi gravi rischi anche per la sicurezza delle organizzazioni umanitarie italiane che operano in Iraq, dovuti alla confusione tra presenza civile e militare.

Chiediamo dunque la sospensione della decisione di assumere la guida della Nato in Iraq e del processo di acquisizione di questi armamenti e l’apertura di un dibattito pubblico o almeno parlamentare su modelli, obiettivi, strumenti della attuale presenza italiana in Iraq.

Rete Italiana Pace e Disarmo

AOI – Associazione ONG Italiane

Accademia Apuana della Pace

ARCI

Associazione CITTA’ PLURALE – Matera

Associazione culturale-ambientale “La Città degli Alberi

Associazione Nazionale per la Pace

Associazione per il rinnovamento della sinistra

Associazione per la pace di Padova

Associazione solidarietà internazionale

Associazione Taiapaia Valsugana

Associazione Trentina Accoglienza Stranieri

AssoPace Palestina

Attac Italia

Casa della Pace Milano

Casa per la Pace Modena

Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista

Centro don Lorenzo Milani

Centro Studi Sereno Regis

CGIL

CISS – Cooperazione Internazionale Sud-Sud

Cittadinanzattiva/Tribunale dei Diritti del Malato di Rieti

Commissione globalizzazione e ambiente della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (Fcei)

Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza

Coordinamento toscano del CDC

Cultura è Libertà

Donne in Nero di Napoli

Donne in nero di Torino e Alba

Emmaus Italia

Forum permanente delle donne – Certaldo

La Società della Cura – Padova

Laboratorio Decoloniale Femminista e Queer

Medicina Democratica Livorno

MIR- Movimento Internazionale della Riconciliazione

Movimento di lotta per la salute Maccacaro

OPAL – Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e le Politiche di Sicurezza e Difesa

Pax Christi

Pressenza

Rete NoWar-Roma

Rete Romana Palestina

Reti di Pace – Monteverde Roma

Rifondazione Comunista

Sinistra anticapitalista

Sinistra Italiana

U.S. Citizens for Peace & Justice – Rome

Un Ponte Per

Wilpf Italia – Lega Internazionale Donne per la Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.